Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

IMPORTANTE - Nuove misure per l'ingresso in Italia dalla Croazia valide fino al 30 aprile 2021

Data:

06/04/2021


IMPORTANTE - Nuove misure per l'ingresso in Italia dalla Croazia valide fino al 30 aprile 2021

Si informa che l’Ordinanza del Ministro della Salute del 2 aprile 2021 estende la validità delle misure introdotte con l’Ordinanza del 30 marzo 2021 fino al 30 aprile 2021.

Tale Ordinanza si riferisce a tutti coloro che hanno soggiornato o transitato, nei 14 (quattordici) giorni antecedenti all'ingresso in Italia, in uno o più di seguenti Stati e territori:

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

L’Ordinanza prevede, per tale categoria di persone, l’obbligo di sottoporsi a un periodo di 5 (cinque) giorni di quarantena presso l'abitazione o la dimora, previa comunicazione del proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio, indipendentemente dall’esito del test molecolare o antigenico già richiesto per l’ingresso in Italia. Inoltre, l’Ordinanza prevede l’obbligo di effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena.

A quanto previsto, si applicano le eccezioni già descritte all’art. 51 comma 7 del DPCM 2 marzo 2021, consultabili al seguente link: http://www.governo.it/sites/governo.it/files/DPCM_20210302.pdf.


829