Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Conferenza: “ Restauro e ricostruzione post-sisma” (15/06/2021)

Data:

14/06/2021


Conferenza: “ Restauro e ricostruzione post-sisma” (15/06/2021)

novinarski dom

 

 

Restaurazione e ricostruzione. I due pilastri della conferenza organizzata dall’Ambasciata d’Italia che si svolgerà domani martedì 15 giugno all’Associazione dei giornalisti croati. Da entrambi i paesi interverranno i massimi esperti in materia di gestione delle attività
post-sismiche, dai Caschi blu della Cultura (già presenti a Sisak e Petrinja a fine 2020) ai rappresentanti della Protezione Civile, fino ad arrivare al mondo delle imprese e delle università. L’obiettivo dell’incontro è non solo quello di scambiare buone pratiche e portare in Croazia l’esperienza che l’Italia ha maturato, in materia di ricostruzione sismica, nel corso degli ultimi decenni, ma anche quello di far incontrare le aziende che operano nel settore nei due paesi. Dopo una serie di interventi previsti martedì, tra cui quello dell’Ambasciatore Pierfrancesco Sacco e della ministra della Cultura Nina Obuljen Koržinek, seguirà infatti un momento B2B consacrato alle imprese.

L’Italia ha una grande esperienza in materia di terremoti acquisita a seguito dei numerosi eventi sismici che hanno colpito il Paese. Negli ultimi 50 anni, decine di eventi sismici hanno colpito il paese, a volte con effetti particolarmente devastanti: da quello in Friuli
nel 1976 a quello in Irpinia nel 1980, fino ai più recenti all’Aquila (2009) e ad Amatrice (2016) in centro Italia. Per questo, in un momento cruciale per la Croazia com’è quello attuale della restaurazione e della ricostruzione degli edifici colpiti dagli eventi sismici nel 2020, l’Italia può contribuire a vari livelli alla fase post-sismica. Già a fine 2020, la protezione civile italiana ha portato in Croazia delle tende per centinaia di persone, mentre a fine aprile il ministro degli Esteri italiano Luigi di Maio ha consegnato a Petrinja e a Sisak quattro campi abitativi capaci di ospitare un totale di 100 persone.

 

consegna


840